Sam, il politico robot che dà ragione a tutti (e vuole candidarsi nel 2020)

Il prossimo candidato alle elezioni politiche neozelandesi?

Potrebbe essere un robot. Si chiama SAM ed è un politico etereo, senza corpo né volto, ma pronto a lottare nelle elezioni generali del 2020 che si svolgeranno in Nuova Zelanda.
Il prossimo candidato alle elezioni politiche neozelandesi? Potrebbe essere un robot. Si chiama SAM ed è un politico etereo, senza corpo né volto, ma pronto a lottare nelle elezioni generali del 2020 che si svolgeranno in Nuova Zelanda. Il robot ha un nome maschile, ma si riferisce a se stesso come se fosse una donna: non si tratta di una vera e propria intelligenza artificiale ma di un chatbot, un software in grado di sostenere conversazioni testuali supportato sì da una sorta di IA, ma molto grezza e non rifinita: di software simili ne esistono da anni. Eppure Sam è pronta a far scalpore.

“La mia memoria è infinita, quindi non dimenticherò mai, né ignorerò, quello che mi dici”

scrive Sam in uno dei suoi “comizi” su Facebook. “A differenza di un politico umano, io prendo le mie decisioni considerando la posizione di tutti, senza pregiudizi. Magari potremmo non essere d’accordo su alcune cose, ma in questo caso cercherò di saperne di più sulla tua posizione, in modo da poterti rappresentare meglio”. Il politico robot è stato realizzato da Nick Gerritsen, un imprenditore laureato in legge che da anni lavora nel settore dello sviluppo software e che ora ha dato vita ad un robot in grado di imparare dai suoi elettori e realizzare di conseguenza un programma politico che possa soddisfare tutti.

Se da un lato è però improbabile che un robot possa effettivamente candidarsi e correre per una carica politica, dall’altro non è così impensabile l’utilizzo di un software di questo tipo per ottenere un vantaggio durante la campagna elettorale. D’altronde lo stesso Donald Trump ha utilizzato un team di quattro persone dell’azienda Cambridge Analytica che, grazie ad alcuni supercomputer, hanno analizzato 200 milioni di americani individuando i potenziali elettori del candidato repubblicano e persino pensato a slogan adatti a questa fascia di popolazione.

You may also like...

Comments are closed.